150.000 € prestati senza garanzia? Si valutano eventuali responsabilità penali ed erariali.

Dalla documentazione in nostro possesso, non sembrerebbe essere mai stato predisposto un atto che, sotto il profilo tecnico, sia qualificabile come contratto o scrittura privata tra Comune e Sport Management per definire il vincolo di ritorno dei 150.000 €. L’unico riferimento sono alcune missive (con quale valore?) tra Comune e Società, senza alcuna documentazione formale per regolare tale prestito. Una quantità non indifferente di soldi pubblici dei cittadini è stata elargita a pioggia, senza un accordo preciso tra le parti. Il rischio che questi soldi non tornino più nelle casse comunali è più che fondato. Per questo motivo, come M5S Cremasco abbiamo deciso di consegnare ad un legale tutta la documentazione in nostro possesso in merito ai 150.000 € che il Comune ha elargito in favore di Sport Management come prestito, oltre ad averne regalati 35.000 € a fondo perduto. Ad essere valutata sarà la sussistenza di responsabilità penali e contabili al fine di effettuare le opportune segnalazioni alla Procura penale e contabile. Certo sarà un esposto alla Corte dei conti. Inoltre, relativamente ai costi legali a favore dell'Avv. Zoppolato la somma complessiva attualmente impegnata è già di € 14.153,46 (pari a € 9.700,00 oltre spese generali 15%, CPA 4% e IVA come per legge). Verosimile è che questi costi lieviteranno nelle prossime settimane e mesi. La proposta di piano concordatario predisposta dalla società non è nemmeno ancora stata visionata dal Comune. Con quale leggerezza sono stati utilizzati i soldi dei cittadini cremaschi? Cosa farà il Comune di Crema in base a quello che accadrà il 7 maggio? Qual è il piano per il prossimo futuro? La piscina riaprirà? Se sì, quando? Ci troveremo ad avere anche una ex-piscina, dopo l'ex-tribunale, gli ex-Stalloni, ex-scuola di CL, l’ex-Pierina e via dicendo? Ormai Crema è diventata la città degli EX. Vengono affidati incarichi legali su ogni dossier per il mancato controllo dei contratti o per azioni fuori da ogni logica, come quella di regalare soldi ad una società privata. Il nostro centro natatorio era un'eccellenza territoriale e ora rischia di non riaprire: un altro bel risultato raggiunto dalla Giunta Bonaldi, con un Sindaco impegnato più a commentare notizie nazionali con la velleità di un seggio romano, rispetto ad occuparsi delle innumerevoli vicende cittadine. Dieci anni di amministrazione hanno ridotto Crema alla città degli “ex”. Il M5S Cremasco vuole proiettare la città verso il futuro, riprogettando i servizi per renderli effettivi o migliorarli, compreso quello del centro natatorio. Sul centro natatorio del domani serve un fattivo ed immediato coinvolgimento dei lavoratori, che avranno senz'altro idee per uscire da un pantano in cui ci ha portati il Sindaco stesso. Qualcuno però dovrà anche rendere conto alla città di questi soldi, erogati senza nessun contratto tra le parti, con possibile danno erariale.

6 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti