APP COMUNE INFORMA: UN FLOP DELLA GIUNTA BONALDI!

Recentemente il M5S Cremasco ha protocollato un’interrogazione con richiesta di risposta scritta, in merito all’applicazione Comune Informa, che l’Amministrazione di Crema ha deciso di adottare per le comunicazioni da e verso la cittadinanza, sostituendo l’applicazione precedente, di ben più semplice ed immediato utilizzo, Decoro Urbano.

Tralasciando le difficoltà operative e di visualizzazione di quest’app, una riflessione va fatta sui numeri, impietosi, relativi al Comune di Crema:

- i download TOTALI stimati dell’applicazione da parte dei cittadini di Crema sono quantificabili in 646 unità, pari al 2,09 % dei Cremaschi con età dai 17 anni in su (ovvero 30920 abitanti);

- dopo le fisiologiche disinstallazioni, ad oggi sono stimati 344 possessori dell’app a Crema, pari all’1,11 % dei Cremaschi con età dai 17 anni in su;

- pertanto, risulta che, nel corso del tempo, ben 302 Cremaschi abbiano disinstallato l’applicazione dopo averla scaricata ed osservata, ovvero il 46,7 % dei già pochi download. In altre parole, un Cremasco su due, tra i pochi che l'hanno vista e provata, l’ha disinstallata;

- complessivamente, da quanto l’applicazione è stata resa disponibile ai cittadini Cremaschi anche per le segnalazioni dal cittadino verso il Comune (ovvero da marzo 2019), sono pervenute al Comune solo 75 segnalazioni da parte dei Cittadini. Quindi in circa 26 mesi, 75 segnalazioni, con una media di meno di tre segnalazioni al mese: un vero flop!

- non è inoltre prevista la costituzione di un registro nel quale annotare: i problemi segnalati mediante l’utilizzo dell’applicazione, l’ufficio che li ha presi in carico e i tempi di risoluzione degli stessi. Ciò darebbe certezza ed organicità nella presa in carico e nella risoluzione delle problematiche cittadine, ma non è previsto da questa Amministrazione;

- il costo per il Comune di quest’applicazione, sostanzialmente inutilizzata, è di 1800 € IVA esclusa: allo stato attuale circa 5,30 € pro capite IVA esclusa, visti i numeri, irrisori, di coloro che l'hanno installata.

La giunta Bonaldi blocca ogni spinta verso la digitalizzazione dei servizi comunali. Ricordiamo, solo a titolo esemplificativo, la recentissima bocciatura della mozione M5S per valutare una convenzione per assegnare una PEC gratuita ai cittadini che la volessero per le comunicazioni tra Comune e cittadino.

Purtroppo per la Giunta Bonaldi sembra che informatizzazione significhi raccogliere segnalazioni alla spicciolata attraverso i social degli assessori per permettere loro di apparire. Perché il Comune di Crema non ha pubblicizzato l’utilizzo di Decoro Urbano prima e di Comune Informa poi e non li ha inseriti nei processi interni in maniera organica?

Questi numeri impietosi sono testimoni della volontà dell'Amministrazione di non desiderare una vera digitalizzazione del Comune, non favorendo la creazione di un canale istituzionale di dialogo con i cittadini. Solo l’1,11 % dei cittadini di Crema sui 30920 con età maggiore o uguale a 17 anni utilizza quest’applicazione e quasi nessuno di costoro lo fa per comunicare problematiche al Comune.

9 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti