BERGAMASCHI SENZA VERGOGNA: A TUTTO C'È UN LIMITE E NOI NON CI STIAMO!

È offensivo per i Cremaschi che il candidato sindaco Fabio Bergamaschi faccia le sue comparsate nei quartieri cittadini adesso, dopo non aver mai mosso un dito per le esigenze di quei medesimi quartieri in 10 anni da Assessore ai Lavori Pubblici: in 10 anni i lavori si realizzano, non si promettono a pochi mesi dalle elezioni.

Sentir poi parlare questo candidato, nel quartiere di San Carlo, di eccessiva cementificazione e di più verde necessario lascia esterrefatti. In 10 anni di governo cittadino l'assessore Bergamaschi, ora autonominatosi paladino delle richieste dei cittadini, ha dato il proprio assenso a decisioni scellerate in materia di nuove costruzioni in quel quartiere, in particolare di supermercati e di taglio indiscriminato di alberi. Non pensi di cancellare 10 anni di storia, documentata e documentabile, con qualche foto in bella posa e qualche articoletto di giornale. Colate di cemento permesse con atti formali e concreti, voluti e avallati da Fabio Bergamaschi e dai suoi compagni di Giunta, come tutte le varianti al Piano di Governo del Territorio: territorio sventrato e taglio indiscriminato di alberi senza alcuna base scientifica. Manutenzione assente, strade dissestate, riqualificazioni dei quartieri mai avvenute. È avvilente sentire ora queste persone, quasi fossero appena entrate sulla scena politica, parlare di riqualificazioni, strade perfette e cinture di verde da realizzare perché, a detta loro, "indietro, rispetto a certe scelte, non si può tornare". Caro Bergamaschi, quelle scelte le hai compiute proprio tu! Hai avuto tu la possibilità di agire concretamente per San Carlo e per tutti gli altri quartieri per ben 2 mandati consecutivi. Noi abbiamo sempre ascoltato i cittadini e portato le loro istanze, con possibili soluzioni sempre rigettate in Consiglio Comunale. Non ci improvvisiamo ora a sbandierare sui giornali visite nei quartieri, che stiamo facendo, silenziosamente, da diversi anni a questa parte. L'ipocrisia regna sovrana, ma i Cremaschi potranno scegliere se avere memoria o far finta che a Crema negli ultimi 10 anni non abbia governato nessuno, credendo alle solite false promesse elettorali, che smentiscono la storia, questa purtroppo vera, di chi le pronuncia.

2 visualizzazioni0 commenti