I PROGRAMMI DEI NUOVI ASSESSORI TRA STUPORE E CONTRADDIZIONI

Siamo piacevolmente stupiti che i neo Assessori della Giunta Bergamaschi, nell’enunciare recentemente alcuni loro intendimenti programmatici, abbiano ripreso, pari pari, molte idee e proposte che da anni fanno parte dell’agenda del M5S Cremasco, idee e proposte da sempre ignorate o bistrattate durante i due mandati Bonaldi.

Sarebbe intenzione del neo Assessore Cardile allargare gli orari della biblioteca per farla diventare un luogo di studio per i giovani. Diciamo questo da anni, ma è stata proprio l’ex Assessore alla Cultura Nichetti, ancora in Giunta, a rispondere che la biblioteca non è e non può diventare un luogo di studio per giovani, respingendo ogni proposta del M5S Cremasco di allargarne gli orari.

L’Assessore Giossi parla poi di opere di manutenzione ordinaria in città e quartieri. Alleluia: saranno forse le diverse decine di interpellanze del M5S Cremasco in Consiglio comunale, da lui puntualmente lette ad ogni seduta, a renderlo consapevole che serve una inversione ad U da questo punto di vista, dato che l’ordinaria manutenzione è stata snobbata dal suo predecessore, ora Sindaco.

L’Assessore Bordo parla poi di ingorghi di furgoni in centro per il carico e scarico delle merci. Benvenuto nel mondo terrestre, caro Assessore! A questa tesi, corretta, l’Assessore già mostra, tuttavia, un atteggiamento poco convinto, sostenendo che la possibilità di creare hub ai margini del centro storico, proposta del M5S da moltissimo tempo, necessita di un ragionamento approfondito, essendo Crema una città non così estesa da avere questa necessità. Santa pazienza, proprio perché le vie centrali non sono enormi è fattibile la creazione di hub ai capi del centro storico per non intasare di traffico e smog la via Mazzini e la via XX Settembre. Sul decoro urbano e l’implementazione di un operatore ad hoc anche per la raccolta dell’immondizia lasciata dove non si deve, invitiamo l’Assessore a prendere contatto con nostri attivisti che propongono da anni questa prospettiva, ben strutturata, con più di un operatore. Attendiamo i fatti… della neonata Giunta.

Al limite del grottesco è invece la tesi per cui, secondo il neo Assessore Bordo, occorre evitare nuovo consumo di suolo e dire stop a nuovi supermercati. Sa di far parte di una Giunta il cui Sindaco ed altri membri di maggioranza, nei dieci anni di Assessorato, hanno deliberatamente dato il via libera a scempi ambientali con un gran numero di costruzioni di nuovi supermercati in determinate zone della città, come San Carlo? C’è ora un ravvedimento? Molto tardivo!

Sulle Comunità energetiche, rese possibili grazie ad una legge del M5S a livello nazionale, apprezziamo l’intenzione di realizzarne, peccato la totale inerzia della Giunta precedente rispetto alla mozione del M5S Cremasco, approvata all’unanimità dal Consiglio comunale, riguardante proprio il tema delle Comunità energetiche.

E poi ancora il consueto refrain di dover unire i percorsi ciclabili cittadini esistenti (creati ad intervalli intermittenti dall’attuale Sindaco) e realizzare la ciclabile di Campagnola (che ha già un progetto esecutivo partorito dopo moltissimi anni) e Madignano. Che sia davvero la volta buona per realizzare un Piano serio, funzionale e coerente delle piste ciclabili ?

L’Assessore Nichetti parla invece della necessità di un terzo asilo: meglio tardi che mai! Tuttavia, sembra essere convinta della realizzazione di un asilo nido nel parco di via Desti, contraddicendo le affermazioni di Bordo che parla di stop al consumo di suolo e aumento degli spazi verdi. In Giunta si parlano?

Creare invece una nuova, ennesima Consulta, stavolta per le pari opportunità, è la prosecuzione, di questa Giunta, nel creare laboratori partitici in cui far crescere loro uomini e donne per presentarli poi alle successive elezioni. Ne sono esempi palesi la Consulta dei Giovani, con tre presidenti su tre candidati nelle liste di Bergamaschi, uno dei quali ora anche assessore. Oppure la Consulta intercultura, approvata a colpi di maggioranza, da cui proviene l’Assessore ai Servizi Sociali.

Bene invece la creazione di una delega assessorile per la coesione territoriale, punto presente nel programma elettorale del M5S Cremasco. Ci auspichiamo che l’epoca di affermazioni fuor di senno come quella dei “pecoroni” del Sindaco Bonaldi appartengano ad epoche ormai passate.

Infine, le parole dell’Assessore Fontana riguardanti la necessità di incidere sul benessere dei lavoratori del Comune lascia il senso di incompletezza: se da un lato occorre mantenere il benessere dei lavoratori congruo a quello di qualsiasi altra categoria in qualunque ambito lavorativo, dall’altro lato occorre una sterzata sui premi a dirigenti e dipendenti, da legare ad obiettivi realmente strategici e non distribuiti a pioggia.

Il M5S Cremasco continuerà, a vigilare e a monitorare gli atti e le azioni della Giunta Bergamaschi in modo che essi vadano nella direzione di soddisfare le reali esigenze dei Cittadini.

2 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti