APICOLTURA NEI PARCHI CITTADINI: QUALE INTENZIONE DELL’AMMINISTRAZIONE PER PROGETTI DI QUESTO TIPO?

Alla C.A. del Presidente del Consiglio Comunale

Gianluca Giossi;

Alla C.A del Sindaco

Stefania Bonaldi;

Alla C.A. dell’Assessore all’Ambiente

Matteo Gramignoli


Il sottoscritto consigliere comunale Manuel Draghetti presenta la seguente interrogazione e chiede di inserirla all’o.d.g. del prossimo Consiglio Comunale:


APICOLTURA NEI PARCHI CITTADINI: È INTENZIONE DELL’AMMINISTRAZIONE FAVORIRE PROGETTI DI QUESTO TIPO?

Premesso che:


- le api sono fondamentali per l’ambiente e per l’uomo e sono un ottimo indicatore dello stato di salute dell’ambiente che ci circonda;

- le api non solo producono il miele, frutto del loro instancabile lavoro, ma soprattutto permettono, favorendo l’impollinazione, il ciclo naturale delle piante: le api sono infatti un insetto pronubo, ossia che favorisce l’impollinazione, trasferendo il polline da un fiore all’altro;

- le api sono fondamentali per la conservazione della biodiversità, cioè di un adeguato numero di specie di piante spontanee o coltivate;

- secondo le stime della FAO, delle 100 specie di colture che forniscono il 90% di prodotti alimentari in tutto il mondo, oltre il 70% sono impollinate dalle api.


Considerato che:


- è importante diffondere il più possibile l’importanza delle api e come ogni cittadino dovrebbe comportarsi nel caso in cui vi sia un nido di api in prossimità della propria abitazione.


Rilevato che:


- l’Amministrazione di Sesto San Giovanni (a mero titolo esemplificativo) ha aderito al progetto Apicoltura nei parchi cittadini, col fine di promuovere la biodiversità, l’educazione ambientale e la qualità dell’ambiente urbano;

- gli enti coinvolti nel progetto:


realizzano video dedicati al tema;


organizzano passeggiate ed incontri didattici con le scuole della città per sensibilizzare bambini e ragazzi alla cura dell’ambiente;


poseranno nuove arnie in aree apposite;


- l’amministrazione comunale sopra citata, all’interno del progetto, mette a disposizione per un minimo di due anni ad associazioni, aziende, cittadini con adeguata esperienza interessati a promuovere un progetto di apicoltura urbana tre spazi di 500 metri quadrati ciascuno; a fronte dell’utilizzo gratuito dell’area pubblica, le associazioni organizzeranno un minimo di tre giornate didattiche l’anno, con le scuole del territorio, per avvicinare i bambini e i giovani al mondo dell’apicoltura, alla vita delle api, alla loro organizzazione, ai prodotti dell’alveare e per far comprendere loro non solo il mondo delle api, ma anche il contributo essenziale al naturale ciclo evolutivo di tutte le altre piante.


Alla luce di queste premesse,


Si chiede:


- quante arnie sono presenti nel Comune di Crema;

- se il Comune di Crema, negli ultimi anni, ha avviato alcune progettualità legate al mondo dell’apicoltura;

- se il Comune di Crema, in collaborazione con il Parco del Serio e/o con altri Enti, ha intenzione di creare le condizioni per un’iniziativa similare a quella sopra descritta.


Crema, lì 11 gennaio 2021

Il Consigliere Comunale del "MoVimento 5 Stelle"


Manuel Draghetti

24 visualizzazioni0 commenti